Banco dell’energia riunisce a Roma i firmatari del Manifesto

Banco dell’energia riunisce a Roma i firmatari del Manifesto

Banco dell’energia riunisce a Roma i firmatari del Manifesto

A un anno dalla presentazione del Manifesto “Insieme per contrastare la povertà energetica”, è stata organizzata in data 01 dicembre una plenaria dei firmatari  a Roma per fare il punto della situazione e programmare nuovi progetti per sostenere le famiglie che si trovano in una situazione di vulnerabilità economica e sociale con un focus sulla povertà energetica

Durante la plenaria sono state presentate le ricerche Ipsos e Oipe (Osservatorio Italiano sulla Povertà Energetica) sulla povertà energetica, e i nuovi progetti promossi da Banco dell’energia.
2,2 milioni di famiglie in povertà energetica in Italia con oltre l’80% degli Italiani preoccupati per l’aumento dei costi dell’energia.

«I dati presentati da Ipsos e Oipe parlano chiaro: è necessario agire immediatamente per sostenere le persone più vulnerabili dal punto di vista economico e sociale», ha dichiarato Marco Patuano, presidente del Banco dell’ energia e di A2A.

Fino a oggi il Banco dell’energia ha raccolto e donato oltre 6,5 milioni di euro e aiutato più di 10.000 famiglie. Il piano del Banco prevede nei prossimi tre anni di aumentare le risorse economiche messe in campo: l’obiettivo è di raccogliere e donare altri 2 milioni di euro entro il 2024.

Un obiettivo ambizioso e concreto per cui abbiamo già fatto dei passi importanti», dice Patuano, «abbiamo bisogno di lavorare tutti insieme per unire le forze e riuscire a ridurre la povertà energetica».

La onlus nata nel 2016 per sostenere le famiglie che si trovano in una situazione di povertà economica, sociale, ma soprattutto energetica, è diventata Fondazione e EDISON è entrata nel Consiglio di amministrazione.
Nicola Monti Amministratore Delegato di EDISON commenta:  «Intendiamo fare sistema con gli altri operatori del settore per dare una risposta comune al fenomeno della povertà energetica, che in questi ultimi mesi si è ulteriormente aggravato. Si tratta per noi di un impegno programmatico che abbiamo

voluto avviare con il progetto Energia in periferia alla regione Calabria, prevedendo per le famiglie vulnerabili di quel territorio un sostegno economico per il pagamento delle bollette e un vero e proprio affiancamento dei TED Tutor per l’ Energia Domestica con l’obiettivo di favorirne una maggiore consapevolezza sui consumi energetici».

Ma non solo, anche la Comunità di Sant’Egidio e Croce Rossa Italiana hanno deciso di collaborare con Banco dell’energia in progetti mirati sul territorio.